Interview with Nightwish 105

url:

intervjuare:

Intervjuad:

Datum:

Källa:

Språk:

Original:

Översättare:

http://www.nightwish-italy.com/interviste/intervista_tuomas_split.htm

Okänt

Tuomas

Okänt

Orkus-Online.de

Italienska

Nej

-


Tuomas parla dello split con Tarja


Tratta da http://www.orkus-online.de/


Il 21 Ottobre 2005 i Nightwish hanno concluso il loro tour dopo un anno e mezzo all'Hartwall Areena di Helsinki: si è trattato, probabilmente, del più grande concerto nella storia della band. L'evento è stato ripreso dalle telecamere per il DVD End Of An Era ("La fine di un'era") ed esattamente quello che è successo, perché, dopo il concerto, una lettera della band a Turunen ha annunciato che i Nightwish si erano separati dalla loro cantante.
Questa frase riassume in definitiva la notizia, che, il giorno successivo ha causato parecchia confusione. Per qualche tempo la homepage della band è rimasta disponibile solo in versione ridotta perché troppe persone volevano accedere al sito.


Sui forum delle riviste e di diversi altri gruppi ci sono state discussioni relative alla notizia della lettera aperta che i musicisti avevano consegnato a Tarja (e reso pubblica in seguito). Anche i giornali Finlandesi e le agenzie di stampa hanno pubblicato comunicati in merito.


Oltretutto non c'è tempo di rilassarsi per il mastermind dei Nightwish Tuomas Holopainen. Passa la maggior parte del tempo al telefono a rispondere alle interviste. Un Tuomas molto trasparente e emozionato permette a Orkus di intuire il background di questa separazione e di comprendere meglio i suoi sentimenti.


Come stai? Hai avuto il tempo di rimetterti un po' in sesto?
E' tutto molto stressante. Sapevo che sarebbe andata così e perciò sono arrivato un po' preparato. Al momento tutto è davvero confuso per me. Aspetto che arrivi il giorno in cui tutto si sarà calmato e non vedo l'ora che arrivi il giorno in cui non dovrò più parlare di questo. Ma penso che mi perseguiterà per mesi.


Nella tua lettera scrivi: "E' tempo di decidere se la storia dei Nightwish finirà qui o se continuerà per un periodo di tempo indeterminato" Quanto è stato difficile prendere questa decisione?
E' stata la cosa più difficile che abbia dovuto fare. I Nightwish non sono solo una band ma sono più come una grande famiglia che suona assieme e che ha un proprio modo di vivere la propria vita e i propri sentimenti. Voglio che tutti nella band la pensino in questo modo. Ci deve essere una connessione mentale nella musica, nell'amicizia, nei viaggi in comune, in modo da divertirsi tutti insieme.
L'atteggiamento di Tarja e i suoi valori sono diventati sempre più diversi dai nostri. Durante l'ultimo periodo si è completamente tagliata fuori dal gruppo. Penso che ci sia una frase in particolare che lo rende chiaro: "Non ho bisogno più di questo gruppo per la mia carriera". Questa dichiarazione è stata davvero crudele nei miei confronti. Non potevo andare avanti così...


Alla fine è stata una serie di cose che ti ha portato a questa decisione oppure è successo qualcosa di particolare?
E' stata una somma di diversi fattori: Il modo di vedere la band di Tarja, le sue motivazioni, i suoi valori, il fatto che il prossimo album era pianificato per essere definitivamente il suo ultimo album e che lei non voleva più venire in tour con noi, neanche dopo il prossimo disco. Perché dovremmo stare attaccati a una persona che la pensa così?


Ti senti sollevato ora che hai preso questa decisione e l'hai portata avanti o ti senti come spesso accade in queste situazioni: dopo il sollievo arriva il dolore e assieme ad esso i dubbi cominciano a spuntare...
E' un misto di dolore, speranza e sollievo. Tutto quello che è successo è stato un peso per tutto il gruppo e perciò ci sentiamo sollevati, come se fosse un nuovo inizio. Ma ovviamente è anche molto triste il fatto che le cose siano andate a finire così.
E' difficile per Tarja, per il gruppo, per i fan, per tutti. Ma credo anche che il tempo guarirà le ferite. Probabilmente il sole tornerà a splendere tra qualche settimana.


Sembra quasi la fine di un amore, di una relazione di una vita tra due persone
Sì, ho sempre detto che le relazioni personali sono la cosa più difficile nella vita e qui abbiamo un ottimo esempio di quello che sostengo. Si può paragonare a un divorzio; un bruttissimo divorzio...


..in cui ti sei buttato direttamente dopo il concerto a Helsinki, proprio dopo che il lungo tour è arrivato al traguardo. Quando sei salito sul palco sapevi già il significato di questo show e che avresti dato la lettera a Tarja subito dopo. Come hai vissuto il concerto?
E' stato molto strano. Il giorno più difficile della mia vita... Ma durante il concerto sono stato capace di dimenticare tutto ciò che stava per succedere. Credo che si sia trattato del nostro miglior concerto di sempre.
Tutto è stato semplicemente fantastico: l'arena, tutti gli effetti visivi e molto di più. Mi è venuto da piangere durante lo show per un sacco di motivi.


Quando hai deciso che il titolo del DVD sarebbe stato End of an Era sapevi già come sarebbero andate le cose?
Sì, ho scritto la lettera circa tre settimane prima del concerto e quando abbiamo fissato il titolo abbiamo pensato che sarebbe stato ottimo per il DVD.


Hai dato la lettera a Tarja subito dopo il concerto. Perché non hai aspettato almeno un giorno in modo che lei potesse godersi la fine di questo tour?
La ragione principale è il fatto che volevamo darle la lettera personalmente in modo che non dovesse venire a conoscenza dei contenuti via internet. Voleva tornare in Argentina il giorno successivo al concerto. Ma dopo il concerto non volevamo portarle via l'allegria, tenendo conto anche che doveva andare a una festa. Perciò le abbiamo dato la lettera, l'abbiamo abbracciata e le abbiamo detto: "E' meglio se la leggi domani".
Ci sono molte ragioni e non voglio spiegare nel dettaglio perché abbiamo deciso di gestirla in questo modo. Non c'era possibilità per noi di parlarne diversamente con lei. Era l'unico modo. L'unica cosa che posso dirti è: Credimi.


Così, dopotutto, sei ancora sicuro che sia stato il modo migliore?
Ho la coscienza a posto e non ho dubbi. Neanche in merito al fatto di aver agito correttamente.


Se tu avessi detto che le ragioni della dipartita di Tarja erano "divergenze personali" ci sarebbero stati tantissimi pettegolezzi in seguito.
Sì, esattamente. Questa è una delle ragioni più importanti per il fatto che non doveva essere solamente una lettera personale ma un messaggio destinato a tutti. Se avessimo annunciato che Tarja non era più parte del gruppo e che avremmo continuato con un'altra cantante avremmo dovuto fare interviste su questa storia per anni.
Volevamo che fosse detta la verità perché eravamo un po' preoccupati: le cose andavano male e ci aspettavamo che saltasse fuori qualcosa da parte di Tarja. Abbiamo voluto essere i primi a raccontare la verità.
Ecco perché è successo tutto così in fretta e poi c'è il fatto che Tarja sarebbe partita per l'Argentina subito dopo lo show. Non ci saremmo visti per un mese. Non c'era altra possibilità. In ogni caso non siamo riusciti a parlare per un anno. Abbiamo provato qualche volta ma è stato un incubo. Penso che lei prima debba riuscire ad aprire gli occhi. Non c'è assolutamente niente che avremmo potuto cambiare parlando; per prima cosa è lei a dover capire i fatti e chiarirli a sé stessa.


Come fa una band ad andare in tour senza parlarsi per tutto questo tempo?
Il punto è che non vedevamo mai Tarja perché lei faceva tutto per conto suo. Ai concerti ci incontravamo sempre un quarto d'ora prima dell'inizio dello spettacolo. Non veniva mai alle interviste e non si è mai fatta vedere ai sound check. La vedevamo solo completamente vestita e pronta per andare in scena poco prima che il concerto cominciasse e dopo andava direttamente in macchina all'albergo.
Ecco tutto. La volta successiva la vedevamo al concerto seguente. Non voleva viaggiare con noi, non voleva venire in bus con noi e neanche in macchina. Non voleva venire a mangiare con noi, non voleva fare interviste... niente. Praticamente c'erano due diverse basi.
Durante gli ultimi mesi Tarja ha parlato ai media Finlandesi della sua carriera solista e ha sempre enfatizzato il fatto che i Nightwish non erano l'ambizione della sua vita, che non erano la sua voce e la sua musica, che era solo un guest. Mi ha colpito e ferito con queste parole, perché sembrava che per lei i Nightwish fossero solo fonte di imbarazzo.


Nonostante ciò non pensi che una lettera un po' più impersonale potesse essere un'alternativa?
Non credo che ci siano passaggi troppo personali in quella lettera. L'ho riscritta tante volte e all'inizio includeva molti più dettagli personali. Ci accusa di aver messo in mezzo suo marito, ma noi non lo critichiamo come marito.
Sono sicuro che è un marito meraviglioso e premuroso, ma, nella veste di suo manager, lui è la causa principale di questa situazione. Deve solo essere detto perché voglio che la gente capisca perché abbiamo deciso di fare questo passo. E' giustificato, nonostante l'anno scorso ho detto in molte interviste che se Tarja avesse lasciato i Nightwish la band sarebbe finita. Devo spiegarmi in modo che tutti possano capire. Con queste dichiarazioni mi sto difendendo.


Puoi dirci qualcosa di più su Marcelo, il marito di Tarja? Che cosa ha fatto?
E' come John Lennon e Yoko Ono. Era difficilissimo avvicinarsi a Tarja perchè c'era sempre una grande parete argentina tra di noi. Quando le inviavi una email o uno SMS ricevevi una risposta in inglese di Marcelo. Tutte le richieste finanziarie cominciavano a diventare ridicole.
Non è tanto il fatto che non voleva fare concerti in America o Australia perché i locali erano piccoli e i compensi erano bassi. E' più una cosa legata al suo atteggiamento. E' cominciato tutto con due sue frasi (una l'ho già detta: "Non ho più bisogno dei Nightwish per la mia carriera" e l'altra: "Sai, posso lasciare il gruppo in qualsiasi momento").
Mi sono venuti i sudori freddi quando ho sentito queste cose. E' una mia vecchia amica e la pensa in questo modo! Sono queste le ragioni per cui sta nella band! Era incredibile.


Perciò non hai perso solo una cantante, ma anche un'amica
Sì, ho perso un'amica. Ho perso molto. E quando leggi la lettera e leggi tra le righe spero tu capisca che non sono arrabbiato con lei, che non la odio.


Ma penso che un sacco di brutti ricordi di Tarja rimarranno, è così?
Durante l'ultimo anno sono stato molto frustrato e lo sono ancora. Sono triste e deluso. Quando vedo Tarja non è più lei, è qualcun'altra.


Probabilmente hai letto la risposta di Tarja ai media e ai fan. Scrive che è rimasta scioccata e che non si ritrova nella tua descrizione. Cosa hai pensato quando l'hai letta?
Sono rimasto sorpreso del fatto che sembrasse così scioccata. Non so quanto cieca e sorda debba essere stata durante l'ultimo anno. Le cose andavano talmente male che ho pensato sapesse che stava per succedere qualcosa.


C'è un passaggio nella tua lettera che suona come un'accusa: "Non ci ha mai dato fastidio il fatto che tu non abbia mai partecipato alla scrittura delle canzoni, che in 9 anni tu non sia mai venuta a provare con noi prima di andare in studio. Non il fatto che in tour hai sempre voluto viaggiare separatamente da noi con tuo marito".
Non voglio accusarla con queste parole.


Ma suona un po' così
Ho scritto quelle cose perché i fan possano capire come mai Tarja è sostituibile. Ci sono così tante persone che pensano che i Nightwish siano il gruppo di Tarja, che lei scriva tutte le canzoni, che faccia tutte le interviste e tutto il resto, ma l'ultimo anno lei non ha dato altro al gruppo se non un'ora e mezza sul palco.
Ho semplicemente dovuto mettere tutto nella lettera, in modo che i fan capissero perché abbiamo il diritto di fare una cosa del genere. Non la accuso. Intendo dire davvero quello che ho scritto. Queste cose non mi importano.


Ma come avete fatto a sopravvivere con questa atmosfera in tour?
Perché ci siamo supportati uno con l'altro. La band è cresciuta stando sempre vicina. E' probabilmente l'unico aspetto positivo di tutta questa situazione. Anche la crew e il nostro manager.
Eravamo come una grande famiglia e siamo stati benissimo insieme in tour. In pratica eravamo una famiglia e ogni tanto c'era un ospite.


Tu sei il compositore di tutti i brani e scrivi tutti i testi, così puoi dire di essere l'anima dei Nightwish, ma Tarja era la voce e il volto della band. Sei spaventato dal fatto che molti fan potranno abbandonarvi?
Non posso farci niente. Molti fans lo faranno e non li critico per questo. E' chiaro. Tarja ha dato ai Nightwish la loro immagine, ma credo ancora che molta gente capirà quanto conta l'intero gruppo nei Nightwish.
Non mi lamento del fatto che la posizione di Tarja fosse sbagliata, perché ha funzionato molto bene così. Cerco di vederla come la fine di un'era e l'inizio di una nuova.


A volte è difficile immaginare che c'è una nuova porta che si apre quando una vecchia si chiude, ma è sempre così. Il tempo dirà...
Esattamente. Non sono mai stato spaventato per il futuro del gruppo o per il fatto che non troveremo una nuova cantante. Sono sicuro che ne troveremo una molto brava e sono fiducioso relativamente al nuovo album. Continuerà a suonare come un album dei Nightwish.
La mia più grande preoccupazione è per Tarja e per i ragazzi del gruppo, per come reagiranno a questa situazione. Once ha venduto più di un milione di copie. Non mi importa se il prossimo disco ne venderà solamente 100.000. A chi importa se ci divertiamo tutti e facciamo buona musica?



Il futuro: A maggio verrà pubblicato un libro sui Nightwish, in Tedesco e in Inglese. Sarà una sorta di biografia e documentario sulla storia della band, da disco a disco, da tour a tour, con ricordi d'infanzia dei membri del gruppo e interviste con la crew, con gli artisti e per esempio anche con i genitori di Tuomas. Il documentario include l'ultimo concerto e "spiega tutto" dice Tuomas.

La performance all'Hartwall Areena in DVD, con video promozionali e photogallery è programmata per l'inizio di giugno 2006. E qualcos'altro è ancora certo: Tuomas sta già scrivendo nuovi brani, gli studi sono prenotati e il nuovo album dovrebbe uscire prima dell'estate 2007. Secondo le dichiarazioni di Tuomas la band non ha ancora una nuova cantante. Vogliono occuparsi della questione il prossimo anno.


Kommentarer

Kommentera inlägget här:

Namn:
Kom ihåg mig?

E-postadress: (publiceras ej)

URL/Bloggadress:

Kommentar:

Trackback
RSS 2.0